• Lun - Ven : 9.00-19.00
  • info@airaonline.it

Tag: travel bubble

image_pdfimage_print

Strategie delle Ota | Consigli per recruiter | Internazionale | Italia

Presentiamo un articolo a cura di Emilio De Risi, redazione 21 Grammi di Turismo, sugli hotel croati, su cosa succede in Italia e su alcuni consigli per recruiter.

Una campagna da 30mln di dollari. NYC Reawakens è stata annunciata da Bill de Blasio, sindaco di New York City, con l’obiettivo di incrementare il turismo nazionale e internazionale. Come riporta Bloomberg, i fondi federali saranno investiti in pubblicità televisiva e social media. È previsto anche un programma chiamato Wish You Were Here at NYC, grazie al quale i newyorkesi potranno invitare gli amici a visitare la città.

La bolla è già esplosa. Creata sull’onda della bassa circolazione del virus in  Australia e Nuova Zelanda, la travel bubble entrata in vigore dal 19 aprile è già stata sospesa in seguito a un aumento di casi di covid19.

Sbirciando i vicini… Come stanno preparando la stagione estiva gli hotel della Croazia? Ecco qualche spunto ripreso da Slobodna Dalmacija:

Royal Hotels & Resort. Ha aperto al turismo domestico ribassando i prezzi e offrendo, in base alla disponibilità, upgrade camera e parcheggio gratuito. Inoltre, stanno cercando di organizzarsi per effettuare dei test. Per gli ospiti statunitensi, invece, vorrebbero compensare il costo del tampone con prezzi più vantaggiosi o servizi a valore aggiunto.

Hotel Lero. Offre la possibilità di fare, a pagamento, un test antigenico all’interno della struttura. Per gli ospiti stranieri c’è un’offerta che rimborsa il prezzo del tampone necessario per entrare in Croazia. Le tariffe per la stagione saranno impostate tra quelle del 2019 e del 2020.

Adriatic Luxury Hotels. Recentemente riposizionato come brand di lusso, ha deciso che nonostante l’anno incerto non abbasserà i prezzi.

C’è stata paura per il Salone del mobile. Le dimissioni del presidente Claudio Luti per «la volontà da parte delle aziende di rinunciare a partecipare» hanno portato timori sulla realizzazione della grande fiera del design. Beppe Sala, sindaco di Milano, ha spronato queste società a partecipare, esprimendo anche il rischio che altre città europee siano pronte a sfilarci l’evento.

Alla fine è stata confermata un’edizione ridimensionata, con meno espositori ed eventi diffusi in città.

La criminalità organizzata sta facendo leva sulla crisi di liquidità di molte aziende per infiltrarsi nell’economia del settore turistico. Secondo l’indagine di Demoskopika, riportata da La Stampa, il giro d’affari supererebbe i 2,2 miliardi di euro, di cui quasi il 40% nel Sud Italia.

Incrociamo le dita. Secondo quanto raccontato dal ministro del Turismo, un elemento per il rilancio sarà la creazione di un hub digitale del turismo: «uno strumento per l’aggregazione dell’offerta, la creazione di percorsi che favoriscano il coinvolgimento dei luoghi normalmente fuori dai circuiti turistici…».

Che dire, speriamo non sia l’ennesimo portalone turistico nazionale.

Non chiamatele ancillari. Booking spinge sulla strada del tour operating, puntando sulla vendita di attrazioni e attività grazie a un accordo con Viator (gruppo TripAdvisor). L’obiettivo sarà non farli considerare servizi ancillari della camera d’hotel, ma farli percepire come veri e propri pacchetti. 

D’altro canto Expedia, ha annunciato un riposizionamento che la porterà a essere sempre di più una consulente di viaggio. Shiv Singh, general manager Expedia, ha affermato che la società si è concentrata su volumi e transazioni per crescere, ma nell’ultimo anno la società ha capito che i clienti vogliono qualcosa di più per godere al meglio i loro viaggi.

Anche altri player si muovono. GetYourGuide, principale competitor di Viator, ha annunciato l’acquisizione di un tour operator francese: Guidatours.

Da un lato i grandi player vogliono recuperare la redditività persa, ma dall’altro sembra stiano provando a interpretare come sarà il nuovo turismo. Riflessione che toccherà fare anche agli hotel per non restare spiazzati.

You only live once. Occhio alla Yolo economy. Il New York Times ha chiamato Yolo economy (You only live once) il trend, gonfiato dalla pandemia, che porta soprattutto le persone più giovani a voler cambiare vita. Un sondaggio Microsoft conferma che il 40% della forza lavoro a livello mondiale sta pensando di cercare a breve un nuovo impiego. Forse chi si occupa di selezione dovrà immaginare nuovi metodi per attirare le giovani risorse.

Selezione del Personale | Ospitalità | Internazionale

Presentiamo un articolo a cura di Emilio De Risi, redazione 21 Grammi di Turismo, sul recruiting, sugli eventi chiave per il turismo e cosa succede nel mondo.

Mille bolle blu. Australia e Nuova Zelanda stanno sperimentando una travel bubble: nessun test obbligatorio, ma i turisti oltre a indossare le mascherine durante i voli dovranno essere disposti a essere tracciati tramite app.

Scenario in bilico. In India, secondo un rapporto della Icra, quest’anno le entrate dei grandi gruppi alberghieri potrebbero diminuire del 65% e nonostante il taglio dei costi, è probabile che il settore riporti molte perdite. 

Ritorno all’ottimismo. Icra prevede che la situazione migliori nella seconda metà 2022, ma è possibile che le tariffe medie camera restino ancora più basse rispetto al 2019. Negli ultimi mesi, inoltre, si è registrata una ripresa della domanda e l’occupazione è salita intorno al 50%.

Promozione e mappatura. Il Ministero del Turismo indiano ha firmato un memorandum d’intesa con Cleartrip e Ease My Trip con l’obiettivo di fornire visibilità agli alloggi che si autocertificheranno sulle piattaforme delle due Ota. D’altro canto, l’idea è anche raccogliere informazioni utili a mappare l’offerta turistica.

Eventi, eventi, eventi. Parafrasando la citazione più nota nel settore dell’ospitalità, un evento può diventare un fattore strategico: un’eruzione vulcanica sta facendo aumentare i visitatori in Islanda (da poco riaperta al turismo), attirando anche delle coppie che hanno scelto lo sfondo lavico per il matrimonio.

Host Wanted. Airbnb vuole milioni di nuovi alloggi. Questo quanto riferito alla Cnbc da Brian Chesky, Ceo della società, che dice di aspettarsi una ripresa dei viaggi grazie al crescente numero di vaccinati e al rallentamento delle restrizioni negli Stati Uniti. 

Affermazione che porta speranza, ma è difficile capire quanto una dichiarazione di questo tipo sia dovuta al fatto che l’amministratore di una società quotata in borsa debba anche galvanizzare investitori e mercato.

Movimenti in Italia. È prevista per luglio a Roma l’apertura del primo Mama Shelter italiano (marchio midscale di Accor), mentre a Milano il fondo Limestone Capital ha acquisito il boutique hotel The Yard, che sarà gestito dalla Aethos Hotels & Clubs.

Andrea Menandro è un senior marketing manager di Netflix. In una bella intervista al podcast hacking creativity ha parlato, tra le altre cose, del suo percorso di assunzione e della cultura aziendale. Quali consigli applicare alle selezioni nel mondo del turismo? Qualche spunto:

Per l’azienda. Responsabilizzare: ogni persona, in base al proprio livello, può avere autonomia decisionale. Cultura aziendale: lavorare a ogni livello (da chi è in stage fino a chi dirige) per creare un’identità culturale condivisa. Recruiter: impegnarsi a dare dei feedback.

Per la persona candidata. Umiltà: è la prima volta che sento dire a un manager «ho inviato un cv e sono stato chiamato per un colloquio», in genere quasi tutti raccontano di essere stati cercati. Condividere i valori: pensare al bene dell’azienda come se fosse nostra. Riflettere su cosa si cerca: un’azienda che responsabilizza è bella, ma non è detto sia un peso che vogliamo.