• Lun - Ven : 9.00-19.00
  • info@airaonline.it

Mese: Maggio 2021

image_pdfimage_print

Cose interessanti dal mondo | Grandi attori dell’ospitalità | The winner is

image_pdfimage_print

Presentiamo un articolo a cura di Emilio De Risi, redazione 21 Grammi di Turismo, su Disney World, sulla promozione turistica e sulle compagnie alberghiere.

Soggiorni di prova. Airbnb sta offrendo dei bonus casa in favore di programmi come Move to Michigan o Choose Topeka, che puntano a invogliare le persone a trasferirsi in città più piccole. Come riportato da Quartz, secondo Brian Chesky: «I viaggi si allungheranno e viaggiare e vivere si confonderanno gradualmente, perché in un mondo in cui molte persone possono lavorare da casa, possono lavorare da qualsiasi casa». 

Secondo una ricerca di Airbnb circa il 47% degli americani e il 44% degli intervistati in cinque paesi, vorrebbero vivere in un posto per un breve periodo prima di trasferirsi. 

…Intanto in Italia. Il Comune di Milano e Airbnb hanno siglato un accordo con il quale la piattaforma promuoverà gli affitti a canone concordato.

Six-feet distance. Disney World ha annunciato che ridurrà le misure di sicurezza introdotte per il covid19. Ecco, secondo travel pulse, alcuni punti: il distanziamento di sei piedi resterà nei negozi, nei ristoranti e nelle aree dove è possibile togliere la mascherina. Rimarranno alcune barriere fisiche e la suddivisione in gruppi di 10 per evitare assembramenti. Stop al controllo della temperatura all’ingresso del parco.

L’anno di Ryanair. L’esercizio chiuso al 31 marzo, come riporta Il Sole 24 Ore, è il peggiore di sempre. Perdita netta di un miliardo e 15mln di euro contro un utile netto di 649mln nell’esercizio precedente. Ricavi da 8,49mld a 1,64mld di euro. Passeggeri da 149 milioni a 27,5 milioni. Costi operativi ridotti del 66% e tagliati 3.000 posti di lavoro.

Contro gli aiuti di Stato. Ryanair afferma che la crisi: «ha dato il via a uno tsunami di aiuti da parte dei governi Ue alle loro compagnie di bandiera insolventi, incluse Alitalia, Air France-Klm, Lot, Lufthansa, Sas, Tap e altre, che creeranno distorsioni della concorrenza nella Ue».

Sciatteria. Riporto un interessante post di Paolo Iabichino «Questa è maleducazione. È un peccato sprecare denari per una pagina intera a quattro colori sui quotidiani nazionali e non metterci quel po’ di attenzione necessaria a muovere gli accenti correttamente. È un gesto incolto che conferma la sciatteria di chi continua a trattare il turismo come merce di serie B».

La parola a Best Western. La ripresa dell’industria dell’ospitalità statunitense sarà un processo pluriennale, anche se si vedono già dei segnali positivi. Questo, in sintesi, quanto affermato nel corso del Virtual Travel Summit di BWH Hotel Group 2021 dalla chief marketing officer Dorothy Dowling.

La parola a Hilton. L’executive vice president Simon Vincent, in un’intervista al Corriere della Sera, indica come trend che rimarrà anche dopo il covid19: «un bisogno sempre crescente di tecnologia per i clienti, che unisce l’esperienza fisica e quella digitale…».

La parola ad Accor. Il chief commercial officer Patrick Mendes, in un’intervista a CGTN Europe, ha dichiarato che il gruppo francese vuole investire molto sul mercato cinese e tra le azioni in corso c’è lo sviluppo di una mini-app per WeChat dedicata agli hotel Accor.

La casa di Dracula diventa un centro vaccinale. Il castello di Bran in Transilvania, è considerato il posto che ha ispirato l’autore di Dracula, Bram Stokernel descrivere la casa del conte. In tempi di covid19 tutto cambia: la residenza del caro vecchio Vlad è diventata un centro vaccinale che offre ai neo-inoculati un ingresso alla mostra sugli strumenti di tortura medievali.

Pubblicità | Risorse umane | Ecosostenibilità

image_pdfimage_print

Presentiamo un articolo a cura di Emilio De Risi, redazione 21 Grammi di Turismo sul turismo ecosostenibile e tanti altri argomenti.

The Lion King o Chicago? Broadway riprenderà gli spettacoli a settembre e come annunciato dal governatore di New York Andrew Cuomo: saranno disponibili il 100% dei posti.

Faccia a faccia. In uno studio sul futuro degli uffici realizzato della Harvard Business Review si enfatizza quanto le interazioni umane all’interno del team favoriscano impegno, supporto e cooperazione.

Se una parte dell’innovazione porta verso i meeting ibridi, alcune dinamiche sociali lasciano ben sperare che i convegni e gli incontri aziendali torneranno.

Tagliare i rami secchi. Nel primo trimestre IHG Hotels and Resorts ha interrotto i rapporti con 61 hotel per un totale di 9500 camere. Pare che l’obiettivo sia eliminare 200 alberghi con rendimento insufficiente. La finalità è migliorare il servizio clienti e posizionare meglio l’azienda per assicurarne la crescita dopo la pandemia.

Andiamo davvero verso un turismo ecosostenibile? Alcuni progetti finanziati dalle compagnie aeree potrebbero non compensare le emissioni di gas serra dichiarate. Secondo l’articolo de Il Post, che riprende un’inchiesta del Guardian e Greenpeace, una decina di progetti supervisionati da Verra, l’organizzazione che attesta queste compensazioni, sarebbero sovrastimati.

L’idea del sistema è che finanziando i progetti di conservazione delle foreste, le aziende contribuiscono a rimuovere dall’atmosfera dei gas serra. Dopodiché Verra fa un bilancio delle emissioni prodotte.

È difficile fare stime accurate. Secondo l’inchiesta, anche se molti progetti forestali stanno facendo un importante lavoro di conservazione, la quantità di emissioni compensate promessa è superiore a quella reale.

Il commento delle compagnie aeree. British Airways ha detto che entro il 2050 vuole raggiungere il pareggio delle emissioni; EasyJet si dice convinta che i progetti finanziati evitino la deforestazione; Delta ha affermato che i metodi di Verra sono rigorosi e scientifici.

Cerchi lavoro? Allora è importante che l’azienda risponda alle tue esigenze e non solo il contrario. Ecco, secondo Hcareers, quando dovrebbe scattare un campanello d’allarme:

* Non c’è diversità al comando;
* Si parla solo di vantaggi divertenti come ping pong e snack gratis;
* Non viene offerta formazione;
* I manager cercano assimilazione al loro pensiero;
* Non viene usato un linguaggio inclusivo.

La reputazione è a due vie. Stando a una ricerca di Glassdoor, oltre il 69% delle persone candidate non vuole lavorare per un’azienda con una cattiva reputazione. Ma cosa contribuisce a crearla in fase di selezione? Dei grandi classici:

* L’azienda sparisce dopo il colloquio senza dare feedback;
* Arrivare in ritardo o cancellare il colloquio all’ultimo minuto;
* Troppa impersonalità da parte di chi sta selezionando.

Spunti d’innovazione | In Italia | Cose strane dal mondo

image_pdfimage_print

Presentiamo un articolo a cura di Emilio De Risi, redazione 21 Grammi di Turismo, sulla catena Four Seasons, sui format ristorativi e sulle strane attrazioni turistiche.

Aumentano le dark kitchen. Cucine senza sala ristorante, pensate per preparare piatti e consegnarli a domicilio. L’analisi di Italia a tavola distingue tra cloud kitchen (più operatori condividono spazi, attrezzature e rider in una sorta di coworking alimentare) e ghost kitchen (un solo operatore gestisce tutto). Vantaggi e svantaggi. Pro: meno costi per spazi, arredi e personale di sala. Contro: i grandi attori del delivery sono allo stesso tempo competitor e rete distributiva del ristorante (con annesse commissioni); i costi di comunicazione sono alti; i turisti in genere preferiscono i ristoranti con servizio.

Four Seasons e gli eventi ibridi. Il gruppo alberghiero ha annunciato una tecnologia ideata per collegare diversi team di lavoro tra più hotel e creare così un unico evento ibrido ospitato in più alberghi della catena.

Da piattaforma per prenotare ristoranti a ristoratore. Il primo ristorante gestito da OpenTable sarà ospitato all’ultimo piano dell’albergo del motore di ricerca viaggi Kayak. Il ristorante, così come l’hotel, saranno un banco di prova per sperimentare nuove tecnologie legate all’accoglienza e alla ristorazione.

Fuoco incrociato. Ivana Jelinic, presidente Fiavet, lamenta le poche risorse per le agenzie di viaggio (che si sentono messe da parte poiché fanno viaggiare all’estero gli italiani). Paola Di Giovanni, presidente dell’associazione nazionale accompagnatori guide e interpreti turistici, lamenta l’impossibilità di confrontarsi con il Ministro del Turismo.

Ah, l’amour. Grazie a un finanziamento di 16mln, a ottobre partirà il cantiere che tra tre anni e mezzo porterà alla riapertura della Via dell’Amore. Un’importante attrazione turistica ligure, ma anche un pezzo di storia e un angolo paesaggistico di grande valore.

Non solo pass vaccinale. Alla ministeriale del G20 sul turismo, oltre alle dichiarazioni sugli spostamenti, Mario Draghi ha sottolineato la necessità di renderlo più inclusivo e sostenibile, per proteggere l’ambiente e creare un’inclusione delle comunità locali.

Enit punta sulla web radio. L’obiettivo di Visit Italy Web Radio è raccontare e promuovere l’Italia attraverso musica, rubriche su turismo, arte, cultura, enogastronomia e folklore.

Il calamaro gigante. Una città giapponese ha speso 25 milioni di yen (circa 190 mila euro) di fondi per l’aiuto economico, realizzando l’enorme statua di un calamaro. I funzionari della piccola città di Noto sono certi che incoraggerà il turismo.

Non solo noi italiani siamo cintura nera in investimento originale di fondi.

Strategie delle Ota | Consigli per recruiter | Internazionale | Italia

image_pdfimage_print

Presentiamo un articolo a cura di Emilio De Risi, redazione 21 Grammi di Turismo, sugli hotel croati, su cosa succede in Italia e su alcuni consigli per recruiter.

Una campagna da 30mln di dollari. NYC Reawakens è stata annunciata da Bill de Blasio, sindaco di New York City, con l’obiettivo di incrementare il turismo nazionale e internazionale. Come riporta Bloomberg, i fondi federali saranno investiti in pubblicità televisiva e social media. È previsto anche un programma chiamato Wish You Were Here at NYC, grazie al quale i newyorkesi potranno invitare gli amici a visitare la città.

La bolla è già esplosa. Creata sull’onda della bassa circolazione del virus in  Australia e Nuova Zelanda, la travel bubble entrata in vigore dal 19 aprile è già stata sospesa in seguito a un aumento di casi di covid19.

Sbirciando i vicini… Come stanno preparando la stagione estiva gli hotel della Croazia? Ecco qualche spunto ripreso da Slobodna Dalmacija:

Royal Hotels & Resort. Ha aperto al turismo domestico ribassando i prezzi e offrendo, in base alla disponibilità, upgrade camera e parcheggio gratuito. Inoltre, stanno cercando di organizzarsi per effettuare dei test. Per gli ospiti statunitensi, invece, vorrebbero compensare il costo del tampone con prezzi più vantaggiosi o servizi a valore aggiunto.

Hotel Lero. Offre la possibilità di fare, a pagamento, un test antigenico all’interno della struttura. Per gli ospiti stranieri c’è un’offerta che rimborsa il prezzo del tampone necessario per entrare in Croazia. Le tariffe per la stagione saranno impostate tra quelle del 2019 e del 2020.

Adriatic Luxury Hotels. Recentemente riposizionato come brand di lusso, ha deciso che nonostante l’anno incerto non abbasserà i prezzi.

C’è stata paura per il Salone del mobile. Le dimissioni del presidente Claudio Luti per «la volontà da parte delle aziende di rinunciare a partecipare» hanno portato timori sulla realizzazione della grande fiera del design. Beppe Sala, sindaco di Milano, ha spronato queste società a partecipare, esprimendo anche il rischio che altre città europee siano pronte a sfilarci l’evento.

Alla fine è stata confermata un’edizione ridimensionata, con meno espositori ed eventi diffusi in città.

La criminalità organizzata sta facendo leva sulla crisi di liquidità di molte aziende per infiltrarsi nell’economia del settore turistico. Secondo l’indagine di Demoskopika, riportata da La Stampa, il giro d’affari supererebbe i 2,2 miliardi di euro, di cui quasi il 40% nel Sud Italia.

Incrociamo le dita. Secondo quanto raccontato dal ministro del Turismo, un elemento per il rilancio sarà la creazione di un hub digitale del turismo: «uno strumento per l’aggregazione dell’offerta, la creazione di percorsi che favoriscano il coinvolgimento dei luoghi normalmente fuori dai circuiti turistici…».

Che dire, speriamo non sia l’ennesimo portalone turistico nazionale.

Non chiamatele ancillari. Booking spinge sulla strada del tour operating, puntando sulla vendita di attrazioni e attività grazie a un accordo con Viator (gruppo TripAdvisor). L’obiettivo sarà non farli considerare servizi ancillari della camera d’hotel, ma farli percepire come veri e propri pacchetti. 

D’altro canto Expedia, ha annunciato un riposizionamento che la porterà a essere sempre di più una consulente di viaggio. Shiv Singh, general manager Expedia, ha affermato che la società si è concentrata su volumi e transazioni per crescere, ma nell’ultimo anno la società ha capito che i clienti vogliono qualcosa di più per godere al meglio i loro viaggi.

Anche altri player si muovono. GetYourGuide, principale competitor di Viator, ha annunciato l’acquisizione di un tour operator francese: Guidatours.

Da un lato i grandi player vogliono recuperare la redditività persa, ma dall’altro sembra stiano provando a interpretare come sarà il nuovo turismo. Riflessione che toccherà fare anche agli hotel per non restare spiazzati.

You only live once. Occhio alla Yolo economy. Il New York Times ha chiamato Yolo economy (You only live once) il trend, gonfiato dalla pandemia, che porta soprattutto le persone più giovani a voler cambiare vita. Un sondaggio Microsoft conferma che il 40% della forza lavoro a livello mondiale sta pensando di cercare a breve un nuovo impiego. Forse chi si occupa di selezione dovrà immaginare nuovi metodi per attirare le giovani risorse.

Selezione del Personale | Ospitalità | Internazionale

image_pdfimage_print

Presentiamo un articolo a cura di Emilio De Risi, redazione 21 Grammi di Turismo, sul recruiting, sugli eventi chiave per il turismo e cosa succede nel mondo.

Mille bolle blu. Australia e Nuova Zelanda stanno sperimentando una travel bubble: nessun test obbligatorio, ma i turisti oltre a indossare le mascherine durante i voli dovranno essere disposti a essere tracciati tramite app.

Scenario in bilico. In India, secondo un rapporto della Icra, quest’anno le entrate dei grandi gruppi alberghieri potrebbero diminuire del 65% e nonostante il taglio dei costi, è probabile che il settore riporti molte perdite. 

Ritorno all’ottimismo. Icra prevede che la situazione migliori nella seconda metà 2022, ma è possibile che le tariffe medie camera restino ancora più basse rispetto al 2019. Negli ultimi mesi, inoltre, si è registrata una ripresa della domanda e l’occupazione è salita intorno al 50%.

Promozione e mappatura. Il Ministero del Turismo indiano ha firmato un memorandum d’intesa con Cleartrip e Ease My Trip con l’obiettivo di fornire visibilità agli alloggi che si autocertificheranno sulle piattaforme delle due Ota. D’altro canto, l’idea è anche raccogliere informazioni utili a mappare l’offerta turistica.

Eventi, eventi, eventi. Parafrasando la citazione più nota nel settore dell’ospitalità, un evento può diventare un fattore strategico: un’eruzione vulcanica sta facendo aumentare i visitatori in Islanda (da poco riaperta al turismo), attirando anche delle coppie che hanno scelto lo sfondo lavico per il matrimonio.

Host Wanted. Airbnb vuole milioni di nuovi alloggi. Questo quanto riferito alla Cnbc da Brian Chesky, Ceo della società, che dice di aspettarsi una ripresa dei viaggi grazie al crescente numero di vaccinati e al rallentamento delle restrizioni negli Stati Uniti. 

Affermazione che porta speranza, ma è difficile capire quanto una dichiarazione di questo tipo sia dovuta al fatto che l’amministratore di una società quotata in borsa debba anche galvanizzare investitori e mercato.

Movimenti in Italia. È prevista per luglio a Roma l’apertura del primo Mama Shelter italiano (marchio midscale di Accor), mentre a Milano il fondo Limestone Capital ha acquisito il boutique hotel The Yard, che sarà gestito dalla Aethos Hotels & Clubs.

Andrea Menandro è un senior marketing manager di Netflix. In una bella intervista al podcast hacking creativity ha parlato, tra le altre cose, del suo percorso di assunzione e della cultura aziendale. Quali consigli applicare alle selezioni nel mondo del turismo? Qualche spunto:

Per l’azienda. Responsabilizzare: ogni persona, in base al proprio livello, può avere autonomia decisionale. Cultura aziendale: lavorare a ogni livello (da chi è in stage fino a chi dirige) per creare un’identità culturale condivisa. Recruiter: impegnarsi a dare dei feedback.

Per la persona candidata. Umiltà: è la prima volta che sento dire a un manager «ho inviato un cv e sono stato chiamato per un colloquio», in genere quasi tutti raccontano di essere stati cercati. Condividere i valori: pensare al bene dell’azienda come se fosse nostra. Riflettere su cosa si cerca: un’azienda che responsabilizza è bella, ma non è detto sia un peso che vogliamo.